Covid, in Inghilterra un giocatore su tre rifiuta il vaccino

Covid, in Inghilterra un giocatore su tre rifiuta il vaccino

Non è ancora scattato l’allarme, ma solo perché il tema è quanto mai delicato, e potenzialmente esplosivo. Soprattutto in Inghilterra dove nessuno si è ancora azzardato a parlare di obbligo di vaccinazione. Impossibile anche solo ipotizzarlo - almeno per il momento - in una nazione dall’alta vocazione liberale e libertaria. Nonostante i contagi oggi siano 25 volte superiori a quelli di 12 mesi fa. E nonostante i decessi quotidiani abbiano subito un brusco rialzo, tornando ai preoccupanti livelli dello scorso marzo. Numeri sufficienti per delineare un quadro emergenziale che indurrebbe alla massima prudenza. E soprattutto ad affidarsi alla copertura vaccinale, che si sta comunque dimostrando efficace e duratura nel limitare ospedalizzazioni e decessi, tutelando così il sistema sanitario inglese. ANALISI EVIDENTEMENTE NON CONDIVISE DA MOLTISSIMI CALCIATORI INGLESI, ALMENO UNO SU TRE, CHE FINORA HANNO DETTO “NO” AI VACCINI.

IL SONDAGGIO

È questo il risultato di un SONDAGGIO CONDOTTO TRA I CLUB DEI TRE CAMPIONATI PROFESSIONISTICI D’INGHILTERRA, AL DI SOTTO DELLA PREMIER LEAGUE: almeno UN TERZO DEI CALCIATORI INGLESI NON SOLO NON È STATO ANCORA VACCINATO, MA NON HA NEPPURE INTENZIONE DI FARLO. Secondo i dati visionati dal quotidiano Daily Telegraph, circa il 70% dei giocatori della English Football League, una lega che racchiude 72 società (dei campionati di Championship, League One e League Two, l’equivalente della Serie B e C italiana), hanno già ricevuto almeno la prima dose di vaccino, o si sono apertamente dichiarati a favore della vaccinazione. Una percentuale in linea con la media nazionale, dal momento che in Inghilterra, nella fascia d’età tra i 18 e 29 anni, il 70% ha ricevuto almeno la prima dose. Mentre restano decine quelli che stanno rifiutando la copertura farmaceutica, in maniera pienamente lecita peraltro, dal momento che le autorità del calcio inglese - contrariamente a quanto suggerito qualche mese fa - non hanno intenzione di rendere obbligatori i vaccini per i tesserati. Che - come nel caso del centrocampista dell’Everton Fabian DELPH - spesso affidano ai social il loro scetticismo. «NON È UNA TEORIA DEL COMPLOTTO CREDERE CHE IL SISTEMA IMMUNITARIO SIA IN GRADO DI FARE CIÒ PER CUI È STATO CREATO», ha scritto il 31enne di Bradford. Dopo essere risultato positivo ad un test anti-Covid, svolto quando si trovava in ritiro con la nazionale svizzera, è emerso che anche Granit XHAKA, centrocampista dell’Arsenal, è tra i giocatori che finora si sono rifiutati di vaccinarsi, nonostante i tentativi di persuasione del suo club.

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/calcio-estero/premier-league/2021/09/03-85032890/covid_in_inghilterra_un_giocatore_su_tre_rifiuta_il_vaccino/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: