Pepe, le confessioni su Ancelotti e Cannavaro al Real Madrid

Pepe, le confessioni su Ancelotti e Cannavaro al Real Madrid

OPORTO (PORTOGALLO) - PEPE, ex difensore del REAL MADRID e ora capitano del Porto, intervistato dal quotidiano portoghese Expresso ha voluto raccontare alcuni dei migliori aneddoti vissuti con le MERENGUES. Oltre a ripercorrere il suo arrivo al Real, il difensore portoghese ha raccontato il suo personale rapporto con CANNAVARO e ANCELLOTTI: “Bene, ora posso dirtelo, perché sono passati tanti anni e siamo amici: è successo con Cannavaro. Nella preseason praticamente non parlavo, mi allenavo e guardavo, perché io sono molto attento. Lavoro e ancora lavoro. Mentre eravamo su un aereo per l’Austria è capitato che si sedesse davanti a me; l’ho sorpreso a leggere una rivista e, quando ho capito che era finita e che l’aereo stava per atterrare, mi sono fatto coraggio e ho detto: “Cannavaro, Cannavaro (parlando a bassa voce), posso avere la rivista?” E Cannavaro si voltò e disse: “Cannavaro? Mi chiamo Fabio.” E mi ha voltato le spalle. Non sapevo cosa dire. Mancavano pochi secondi, forse minuti, ma sembrava un’eternità, finché non mi ha dato la rivista.” 

LA FASE DIFENSIVA A MADRID CON CANNAVARO

Per Pepe l’arrivo a Madrid e l’adattamento al calcio spagnolo è stato più complicato del previsto: “La mia prima partita è stata contro l’Atlético di Madrid. Venivo da un club organizzato tatticamente. E quello che ho trovato a Madrid è stato il caos. Durante un contropiede mi giro verso Fabio e dico: “Fabio! Fabio! Copertura, copertura !!! “E lui mi dice:” No, no, non lo fai qui. “E io:” Cosa?! “Ho guardato e ho visto salire i terzini… E ho pensato: “Cosa? Cinquanta metri dietro di me e io sono qui per fare un uno contro uno? “Poi ho pensato con calma che avrei fatto bene. A poco a poco stavo guadagnando status. Chi giocava per il Real Madrid in quel perido ha dovuto ascoltare i tifosi gridare, perché il 2-0 non era abbastanza; dovevi segnarne quattro, cinque, sei gol”. 

IL RAPPORTO CON ANCELOTTI

Il nazionale portoghese si sofferma anche sul rapporto avuto con l’allenatore italiano, vincitore della decima Champions per i madrileni: “Quando Ancelotti ha firmato, ero in vacanza e non stava andando molto bene. C’era stata questa confusione con Mourinho, c’erano state speculazioni sulla stampa spagnola sulla mia situazione. E poi Ancelotti mi ha chiamato ed è stato molto onesto: “Guarda, Pepe, ho Sergio Ramos, ho Varane, che ha tanta qualità, e ho te. Ti dico che non sei la prima opzione”. Ho risposto: “Va bene, Mister ma cosa vuoi? Vuoi che vada?” E lui: “No, no, no, voglio che tu rimanga, ma voglio anche che tu sappia che non sei la mia prima scelta”. Poi ho detto: “Accetto. Ma il mister mi darà l’opportunità di lottare per il mio posto, a parità di condizioni? Nessuna preferenza?” Ancelotti ha risposto: “Questo è esattamente quello che mi aspettavo di sentire”. Quindi, se questo signore è onesto in futuro come è adesso, resterò e combatterò per ogni opportunità che mi si presenterà. L’allenatore ha concluso così: “Saremo campioni”. Prima di quella chiamata, ero un pò sconvolto dal Real Madrid”.

LA FINALE DI CHAMPIONS E LA “DECIMA”

“Mi ero infortunato a Valladolid e, se ricordate, Diego Costa (all’epoca, all’Atlético de Madrid, rivale del Real Madrid in quella finale di Champions League a Lisbona, n.d.r.) era andato a fare delle cure fuori dalla Spagna, io non sono andato da nessuna parte, conosco il mio corpo e ha deciso che quando sarebbe arrivato il momento dell’ultimo allenamento, avrebbe detto al mio allenatore se sto bene o no. Non mi sono allenato per 20 giorni, ho fatto solo cure e cure e alla vigilia della finale, già a Lisbona, ho detto ad Ancelotti: “Mister, fa ancora male”. E lui: “Aspettiamo ancora un pò, domani vedremo”. Poi ho sentito di nuovo quel dolore e ho capito che stavo per saltare la finale. “Il signor non me lo concede”, ho detto “Non vuoi entrare solo per essere nella foto? Te lo meriti, amico,” disse Carlo.” Non ho bisogno di giocare la finale per sentirmi un Campione … “. Gli dissi. Ancelotti improvvisamente disse” Abbiamo già vinto questa partita! “E Cris:” Mister … calmati “E Ancelotti: “Vuoi scommettere con me? Abbiamo già vinto “Coincidenza o no, al 93 ‘Sergio Ramos va avanti, segna il gol, andiamo ai supplementari e vinciamo la Champions…” ha raccontato Pepe.

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/calcio-estero/liga/2021/01/15-78209639/pepe_le_confessioni_su_ancelotti_e_cannavaro_al_real_madrid/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: