Perez su Zidane: “La lettera? Non può averla scritta lui“

Perez su Zidane: “La lettera? Non può averla scritta lui“

MADRID - Un fiume in piena, FLORENTINO PEREZ. Ospite del programma El Transistor, il presidente del REAL MADRID ha parlato a lungo e di qualsiasi argomento. A partire dal progetto SUPERLEGA, che continua a portare avanti: “Non è tramontato nulla. Stiamo lavorando da due anni, dodici squadre, in un format che intende aiutare qualcosa che sta morendo, il calcio. Il pubblico cala perché la maggior parte delle partite non hanno interesse. E se non c’è pubblico, i diritti audiovisivi scendono. Dal progetto non escludiamo nessuno. Non tutti possono esserci. Ma Roma-Sampdoria interessa meno di un Manchester-Psg. Abbiamo analizzato tutto il pubblico di tutte le partite di tutti i campionati. Chi comanda qui sono i tifosi. Vediamo che il Manchester ne ha più della Roma. Prendiamo quelli con più tifosi al mondo perché sono quelli che la televisione chiederà. Quello che posso dire è che tutto sia ancora aperto: un torneo che ha come unico obiettivo il fatto di essere comprato”. A seguire Perez si è anche detto tranquillo e sicuro in merito a presunte sanzioni da parte della Uefa. [Cadice, protesta in campo contro il Real Madrid e la Superlega!] Guarda la gallery Cadice, protesta in campo contro il Real Madrid e la Superlega!

LA LETTERA DI ZIDANE

Un altro tema caldo toccato dal presidente del Real Madrid è la recente separazione da ZINEDINE ZIDANE, con tanto di lettera polemica dell’ex allenatore: “Non mi ha sorpreso il suo addio. Era una delle possibilità. Lo conosco. Quest’anno è stata dura e ci si stanca di fare l’allenatore. Ho lottato perché rimanesse. Sono stato con lui tutto il pomeriggio per convincerlo. E con José Ángel Sánchez. Zidane è molto semplice, quando dice che vuole andare, è già partito. La sua lettera? Non l’ho letta. Giuro sui miei nipoti. Mi hanno detto che era brutta. Ma non l’ha scritta lui. Quello non è Zidane. Qualcuno deve averla scritta per lui. Il mio rapporto con lui? Ho sempre lo stesso affetto. È stato una leggenda del Real Madrid. Gli ho parlato tutto il pomeriggio e non mi ha mai detto quello che ha detto poi nella lettera. È stata una stagione molto difficile. Non gli ho più parlato. Non so nemmeno se sia a Madrid. Ho ancora lo stesso affetto di sempre. Se fosse dipeso da me sarebbe rimasto, ma credo che abbia l’ambizione di diventare ct della Francia”.

REAL MADRID, TENSIONE ZIDANE CON UN GIORNALISTA

ANCELOTTI E MBAPPÉ

Al suo posto comunque è arrivato CARLO ANCELOTTI, un altro cavallo di ritorno: “Siamo contenti di lui e di Pintus. Lo abbiamo ricordato dall’inizio. Pochettino? Non abbiamo parlato con lui, né con Conte o Allegri. Ho un buon rapporto con José Ángel e, parlando, pensavamo potesse essere un buona soluzione. Siamo contentissimi. Alcuni allenatori partono e altri arrivano, succede nel calcio. Raul? Ha tutto quello che serve per guidare il Real. Ma avevamo bisogno di un cambiamento e serviva qualcuno con più esperienza di lui. Sarà uno dei nostri uomini per il futuro”. Per quanto riguarda la situazione KYLIAN MBAPPÉ, invece, Florentino Perez è criptico: “Non parlo di giocatori che non sono del Real Madrid. So cosa vogliono i partner. Vogliono che ci sia il meglio. La mia politica è lasciare che i migliori giochino qui e si mescolino con i giovani. Le squadre devono essere rinnovate e siamo in quella fase di rinnovamento. Non voglio parlare di giocatori che non sono a Madrid perché sarebbe un mancanza di rispetto. La gente si fida di me. Quelli che loro e io pensiamo siano i migliori verranno. Mbappé è uno dei migliori, ma oggi non è a Madrid”. [Casillas: “Real, che colpo Ancelotti!”] Guarda il video Casillas: “Real, che colpo Ancelotti!”

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/calcio-estero/liga/2021/06/25-83002361/perez_su_zidane_la_lettera_non_puo_averla_scritta_lui_/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: